Werther

Ordina biglietti
PreviousSettembre 2025
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do

 

Trama

L'azione si svolge nell'anno 1780 a Wetzlar, città nell'Assia.

 

Atto primo

È il mese di luglio e in casa del borgomastro fervono i preparativi per una festa da ballo; malgrado la concitazione, l'uomo non rinuncia a impartire ai suoi numerosi figli una lezione di canto, insegnando loro una melodia che i bambini canteranno molti mesi dopo, nel giorno di Natale. Nel frattempo Sophie, la giovanissima secondogenita, assiste la sorella maggiore Charlotte nella preparazione alla festa. Molti amici iniziano a recarsi nella casa del borgomastro: tra essi c'è il giovane e sensibile Werther, che al suo arrivo rimane incantato dalla natura rigogliosa del giardino dell'abitazione (Je ne sais si je veille). Il borgomastro lo presenta a Charlotte: il ragazzo se ne innamora seduta stante, e ottiene il privilegio di farle da cavaliere al ballo. Sophie, rimasta sola a casa, viene raggiunta da Albert, fidanzato di Charlotte, che fa ritorno da un lungo viaggio: l'uomo rimane deluso dal fatto che la sua ragazza si sia recata al ballo in compagnia di un altro uomo, ma Sophie lo rassicura circa la fedeltà e la serietà del sentimento della sorella (Elle m'aime). I due si congedano e rientrano Werther e Charlotte: il giovane le dichiara il suo amore, ma la ragazza gli parla della promessa, fatta alla madre morente, di sposare Albert. Werther, pur affranto, non si oppone (Il faut nous séparer) e fugge via sconsolato.

 

Atto secondo

Nella piazza di Wetzlar si celebrano le nozze d’oro del pastore. Albert e Charlotte sono sposi da tre mesi e gli amici brindano alla loro unione, mentre Werther, poco lontano, si tormenta nel vedere la sua amata in compagnia di un altro uomo. Il ragazzo viene poi raggiunto da Albert che, conoscendo i suoi sentimenti, gli dichiara di stimarlo per la sua rinuncia. Poco dopo Sophie, innamorata di Werther, lo invita invano a ballare, ma egli rifiuta: il giovane attende Charlotte vicino alla chiesa della città per dichiararle ancora una volta il suo amore. Sdegnata, ella lo rifiuta per la seconda volta e gli consiglia di allontanarsi per qualche tempo: Werther, disperato, decide di partire, ma le promette che tornerà a trovarla il successivo Natale nella speranza che lei possa aver cambiato idea. Sophie torna a invitare Werther alle danze, ma questi la scaccia in malo modo e le comunica che se ne andrà per sempre: a questa notizia la giovane scoppia in lacrime. Albert, che assiste non visto all'intera scena, comprende che Werther non ha mai cessato di amare la sua Charlotte.

 

Atto terzo

La vigilia di Natale Charlotte rilegge una lettera di Werther: le parole ardenti del giovane la rendono inquieta, poiché si rende conto di ricambiare in qualche modo l'affetto del giovane. Quando Sophie le chiede se l’assenza di Werther la rattristi (Je vous écris), Charlotte non riesce a dissimulare i propri sentimenti e cade in un pianto dirotto. Sopraggiunge proprio in quel momento Werther, che è tornato per tenere fede alla promessa fatta alla sua amata. Rimasto solo con Charlotte, Werther le legge alcuni versi di Ossian da lui appassionatamente tradotti: in questo modo vince le sue resistenze e riesce a strapparle un bacio, ma dopo questo fugace momento di abbandono la donna si infuria con lui e fugge a rinchiudersi in camera (Pourquoi me réveiller). Werther comprende che la donna, pur ricambiando il suo amore, non violerà mai il suo giuramento, e fugge disperato. Sopraggiunge Albert, il quale, intuendo cosa sia accaduto tra Werther e Charlotte, rimprovera sua moglie: quando, poco più tardi, Werther gli chiede in prestito le sue pistole col pretesto di dover fare un lungo viaggio, al colmo della gelosia lui gliele consegna, pur sapendo che le utilizzerà per uccidersi. Charlotte intuisce a sua volta la verità e si precipita a casa di Werther.

 

Atto quarto

È suonata la mezzanotte di Natale. Werther ha adoperato le pistole di Albert per spararsi al petto e giace morente nel suo studio; arriva Charlotte e, sentendo la sua voce, il giovane si rianima per un attimo, giusto il tempo di chiederle perdono: la donna vorrebbe andare a chiedere aiuto, ma lui glielo impedisce poiché desidera bearsi della sua visione negli ultimi momenti della sua vita; poco dopo le chiede che, nonostante il suo suicidio gli impedisca una santa sepoltura, la ragazza si occupi di approntargli un riposo sereno (Là-bas, au fond du cimitière). Charlotte ha appena il tempo di confessargli la verità: ella lo ha sempre amato e si rimprovera di aver sacrificato i propri veri sentimenti per tener fede a un giuramento. Werther morirà felice di questa confessione, mentre nella strada adiacente risuonano sinistri i canti natalizi dei figli del borgomastro.

 

ATTO 1 E 2 - 75 MIN

INTERMESSO - 25 MIN

ATTI 3 E 4 - 65 MIN

Programma e cast

Werther: Matteo Polenzani
Albert: Clemens Unterreiner
Charlotte: Kate Lindsey
Sophie: Florina Ilie

 

Direzione musicale: Bertrand de Billy
Regia: Andrei Serban
Scena e costumi: Peter Pabst
Assistente ai costumi: Petra Reinhardt

Galleria fotografica
Werther
Wiener Staatsoper
© Wiener Staatsoper
Werther 2
Wiener Staatsoper
© Wiener Staatsoper
Werther 3
Wiener Staatsoper
© Wiener Staatsoper
Werther 4
Wiener Staatsoper
© Wiener Staatsoper

Opera di Stato di Vienna

Trasporti pubblici

Linee della metropolitana : U1 , U2 , U4
Tram : 1 , 2 , D , J , 62 , 65
Autobus : 59A
Stazione locale: Badner Bahn
Soste: Karlsplatz / Opera

Le fermate dei taxi sono disponibili nelle vicinanze.

Parcheggio

Il parcheggio è di soli € 6, - per otto ore !
La Wiener Staatsoper e la ÖPARK Kärntner Ring Garage su Mahlerstraße 8 , sotto il " Ringstraßengalerien " , offrono i patroni della Vienna State Opera una nuova , ridotta parcheggio . È possibile parcheggiare nel Kärntner Ring Garage per un massimo di 8 ore e pagare solo un forfait di € 6, - . Basta convalidare il biglietto presso una delle macchine di sconto all'interno della Wiener Staatsoper . Verrà addebitata la tariffa normale per il tempo di parcheggio superiore a 8 ore. Le macchine di convalida possono essere trovate presso i seguenti controlli cappotto : Operngasse , Herbert von Karajan - Platz , e le gallerie destra e sinistra e balcone .

Importante : per ottenere lo sconto , si prega di disegnare un biglietto e non usare la carta di credito quando si entra in garage!

Dopo la svalutazione il tuo biglietto in Wiener Staatsoper è possibile pagare comodamente con carta di credito o in contanti presso i distributori automatici .

Le macchine accettano monete e banconote fino a 50 - . Euro . Tempo di parcheggio più di 8 ore verrà applicata la tariffa normale.

 

Storia

 

La struttura del teatro è stata progettata dall'architetto viennese August Sicard von Sicardsburg , mentre l'interno è stato progettato da decoratore d'interni Eduard van der NULL. E 'stato anche influenzato da altri artisti importanti come Moritz von Schwind , che dipinse gli affreschi nel foyer , e il famoso ciclo di affreschi sulla veranda " Zauberflöten " ( " Flauto Magico" ). Nessuno dei due architetti è sopravvissuto per vedere l'apertura del ' loro' casa opera: il sensibile van der Nüll suicida , e il suo amico Sicardsburg morì d'infarto poco dopo .

Il 25 maggio 1869, il teatro ha aperto solennemente di Mozart DON GIOVANNI alla presenza dell'imperatore Francesco Giuseppe e dell'imperatrice Elisabetta .
La popolarità del palazzo è cresciuto sotto l'influenza artistica dei primi direttori : Franz von Dingelstedt , Johann Herbeck , Franz Jauner , e Wilhelm Jahn . L'opera Vienna conosciuto il suo primo punto alto sotto la direzione di Gustav Mahler . Ha completamente trasformato le prestazioni del sistema obsoleto , ha aumentato la precisione e la tempistica delle prestazioni , e anche utilizzato l'esperienza di altri artisti degni di nota , come ad esempio Alfred Roller , per la formazione di una nuova estetica stadio .

Gli anni 1938-1945 sono stati un capitolo buio nella storia del teatro . Sotto il nazismo , molti membri della casa furono cacciati , perseguito, e uccisi , e molti lavori non sono stati autorizzati per essere giocato .

Il 12 marzo 1945, il teatro fu devastata durante un bombardamento , ma il 1 ° maggio 1945, la " Opera di Stato nel Volksoper " ha aperto con una performance di Mozart LE NOZZE DI FIGARO . Il 6 ottobre 1945, i " Teatri an der Wien " in fretta restaurati riaperti con il Fidelio di Beethoven . Per i prossimi dieci anni, la Staatsoper di Vienna operato in due sedi , mentre il vero quartier generale era stato ricostruito a una grande spesa

Il Segretario di Stato per i lavori pubblici , Julius Raab , annunciata il 24 maggio 1945 , che la ricostruzione del Teatro dell'Opera di Vienna dovrebbe iniziare immediatamente . Solo la facciata principale , lo scalone e il Schwind Foyer erano stati risparmiati dalle bombe . Il 5 novembre 1955 il Teatro dell'Opera di Vienna ha riaperto con un nuovo auditorium e tecnologia modernizzato . Sotto la direzione di Karl Böhm , Fidelio di Beethoven è stato brillantemente eseguito , e le cerimonie di apertura sono stati trasmessi dalla televisione austriaca. Il mondo intero capito che la vita cominciava di nuovo per questo paese che aveva appena riacquistato la sua indipendenza .

Oggi, il Teatro dell'Opera di Vienna è considerato uno dei più importanti teatri lirici del mondo, in particolare, è la casa con la più grande repertorio . E 'stato sotto la direzione di Dominique Meyer, dal 1 settembre 2010 .

© Bwag/Commons
© Wiener Staatsoper
Eventi correlati
Crociere turistiche
Vienna - Tour e crociere a Vienna
Spettacoli: Gi 18 Lug 2024,
Opera di Stato di Vienna
Vienna - Opera di Stato di Vienna
Spettacoli: Gi 05 Dec 2024,
Opera di Stato di Vienna
Vienna - Opera di Stato di Vienna
Spettacoli: Do 27 Apr 2025,
Vienna Musikverein
Vienna - Musikverein Vienna
Spettacoli: Do 18 Ago 2024,
Vienna Konzerthaus
Vienna - Wiener Konzerthaus
Spettacoli: Do 09 Mar 2025,
Vienna Konzerthaus
Vienna - Wiener Konzerthaus
Spettacoli: Ve 16 Mag 2025,